Berlin Art Week 2017

Cinque giorni interamente dediti all’arte, quelli vissuti da Berlino tra il 13 ed il 17 settembre 2016. La città, già profondamente abbracciata dalla creatività in ogni sua forma, amplia la già vasta scelta tra appuntamenti fissi e nuovi eventi.

La manifestazione è stata un grande successo come sempre, anche grazie al sostegno della città, che per il sesto anno consecutivo ha deciso di promuovere con 280.000€ la Berlin Art Week, e al Senato per la Cultura, che ha contribuito con un premio per venti spazi indipendenti a cui sono andati 30.000€ ciascuno (il Senato inoltre ha finanziato con 250.000 € la retrospettiva dedicata ad Harun Farocki al Neuer Berliner Kunstverein, che sarà visibile sino al 28 gennaio).

Più di 100.000 i visitatori che hanno partecipato alle esposizioni e alle performance in isitituti artistici, gallerie private, spazi creati ad hoc.

Quest’anno grandi novità sul lato fieristico, sparisce l’ABC Berlin e nasce Art Berlin, nuova fiera d’arte moderna e contemporanea, organizzata dalla stessa società di Art Cologne, la Kölnmesse. Oltre 30mila visitatori, galleristi soddisfatti sia per afflusso che per vendite, un ritorno ad un mood tradizionale che ha fatto centro, accontentando tutti. Certamente è mancanto il lato “spettacolarista”, le grandi installazioni, gli open space… Insomma, più sostanza e molta meno “sorpresa”, più “arte da comprare” e meno da “foto su Instagram”. L’altra fiera di Berlino, il Positions Berlin, è risultata molto ricca, migliore la qualità delle opere esposte e del tipo di esposizione ed allestimento, interessanti le opere della sezione Positions Selection, un grande passo avanti rispetto allo scorso anno, un’atmosfera molto più rilassata, ma piena, allo stesso tempo.

Un po’ sottotono l’esposizione del KW Institute for Contemporary Art, da sempre scena di grandi intuizioni, quest’anno non ha mostrato sorprese, un’installazione sensoriale, ma nulla di nuovo… Molto ben studiato l’allestimento del me Collectors room Berlin, che ha mostrato l’Arte contemporanea degli Emirati Arabi, con opere della Collezione ADMAF. I visitatori sono stati invitati ad esplorare il paese dalle singole viste degli artisti partecipanti, stili e concetti differenti, ma tutti in qualche modo collegati. A sorpresa, quest’anno è stato l’Hamburger Bahnhof Museum ad avere quel qualcosa in più sugli altri, qualcosa che, nonostante si rimanesse molto sul concettuale, ha riempito davvero l’animo dei visitatori. Il “Festival of future nows” ha portato una nuova energia all’interno della ex stazione ferroviaria. Un mix sperimentale e ispiratore, artisti emergenti e famosi sotto lo stesso tetto, accomunati dal motto: “La sfida è nel tempo, il momento è sempre, ora”.

Il prossimo anno sarà di nuovo Berlin Art Week, alla fine della Biennale di Berlino, che speriamo riporti la voglia di ricerca, non solo negli artisti, ma soprattutto nei curatori e negli organizzatori.

<<< Guarda i nostri album fotografici! >>>

art Berlin – Berlin Art Week 2017
art Berlin 13-17 September 2017 – partner of Berlin Art Week

Photo by liberementi [www.liberementi.it] for Biancoscuro Art Magazine [www.biancoscuro.it]


POSITIONS Berlin – Berlin Art Week 2017
POSITIONS Berlin 13-17 September 2017 – partner of Berlin Art Week

Photo by liberementi [www.liberementi.it] for Biancoscuro Art Magazine [www.biancoscuro.it]


Hamburger Bahnhof – Berlin Art Week 2017
SMB – Hamburger Bahnhof – Museum für Gegenwart 13-17 September 2017 – partner of Berlin Art Week

Photo by liberementi [www.liberementi.it] for Biancoscuro Art Magazine [www.biancoscuro.it]


me Collectors room – Berlin Art Week 2017
me Collectors room – Portrait of a Nation 13-17 September 2017 – partner of Berlin Art Week

Photo by liberementi [www.liberementi.it] for Biancoscuro Art Magazine [www.biancoscuro.it]


Berlin Art Week 2017
KW Institute for Contemporary Art + Akademie der Künste + NBK – Neuer Berliner Kunstverein 13-17 September 2017 – partner of Berlin Art Week

Photo by liberementi [www.liberementi.it] for Biancoscuro Art Magazine [www.biancoscuro.it]